Delizie salate

Zuppa di pesce

Zuppa di pesce

1 kg di pesce misto da zuppa  (scorfano, sarago, muggine, seppie, cozze, vongole, gamberi, ecc…)
600 g di polpa di pomodoro
2 spicchi d’aglio
1 peperoncino
1 cucchiaio di prezzemolo tritato finemente
4 foglie di basilico
3 cucchiai di vino bianco secco (o vernaccia)
q.b. olio evo
q.b. fette di pane casareccio tostato

Procedimento: spurgare le vongole in acqua salata per qualche ora. Pulire il pesce, sviscerarlo, lavarlo per bene e tagliarlo a pezzi. In una casseruola far rosolare 1 spicchio d’aglio e poi versarci dentro le vongole, le cozze, il prezzemolo e tre cucchiai di vino bianco secco. Coprire e far cuocere fino a completa apertura. In un tegame a parte rosolare uno spicchio d’aglio e il peperoncino, eliminare l’aglio e versarci dentro la polpa di pomodoro, il basilico e far cuocere per qualche minuto. Aggiungere il pesce a tranci, le seppie ben pulite, i gamberi privati del budellino e un bicchiere di liquido di cottura (ben filtrato) dei molluschi, non occorre aggiungere sale perché quest’ultimo sarà abbastanza sapido. Far cuocere la zuppa a fuoco lento per 35 minuti circa quindi aggiungere cozze, vongole e lasciar andare per altri 5 minuti. Servire con un filo d’olio a crudo e dei crostini di pane. Dose per 4-5 persone.

Annunci

Penne pepate con melanzane e pachino

Penne al tris di pepe con melanzane e pachinoPenne al tris di pepe con melanzane e pachino

350 g di penne
1 melanzana
1 scalogno
500 g di pomodori pachino
1 spicchio d’ aglio
q.b. prezzemolo
q.b. pepe nero
q.b. pepe verde
q.b. pepe bianco
q.b. olio evo
q.b. sale

Preparazione: in un’ampia padella scaldare 2 cucchiai di olio e far rosolare dolcemente lo scalogno tritato finemente e lo spicchio d’aglio intero che poi andremo a togliere. Aggiungere la melanzana, precedentemente tagliata a tocchetti, e farla andare a fuoco vivace per alcuni minuti. Unire i pomodori a pezzetti, il prezzemolo tritato ed aggiungere sale, il tris di pepe, coprire e far cuocere per altri dieci minuti. Cuocere le penne al dente quindi saltare in padella (aggiungendo mezza tazzina di acqua di cottura) nel condimento. Prima di servire aggiungere un filo di olio a crudo e spolverizzare ancora col tris di pepe. Dose per 4 persone.

Linguine all’astice

Linguine all'astice

400 g di linguine
2 astici da 500 g circa ciascuno
4 cucchiai di vino bianco secco
1 cucchiaio di prezzemolo tritato finemente
2 spicchi d’aglio
1 peperoncino secco
5 pomodori a grappolo belli maturi
q.b. olio extravergine d’oliva
q.b. sale
1 cucchiaino di concentrato di pomodoro

Procedimento: lavare gli astici sotto l’acqua corrente (fermate le chele con degli elastici) spazzolandoli con cura. (Prima di procedere con la cottura vera e propria, li immergo per pochi attimi nell’acqua bollente) Con un coltello ben affilato , partendo dalla testa, dividerli a metà dalla parte della lunghezza e pestare leggermente le chele con un batticarne. Eliminare (sempre sotto l’acqua corrente) le parti non commestibili come sabbia, budellino ecc. In un’ampia padella rosolare l’aglio intero col peperoncino. Eliminare l’aglio, il peperoncino, sistemare gli astici dalla parte della polpa, aggiungere il prezzemolo tritato e lasciarli rosolare dolcemente per due minuti. Sfumare col vino bianco quindi aggiungere i pomodori (precedentemente spellati, privati dei semi e tagliati a pezzetti), il concentrato, il sale e far cuocere ancora per 6-8 minuti. Togliere gli astici dal sugo, posarli in un piatto e tenerli da parte. Cuocere le linguine, belle al dente, in abbondante acqua salata quindi saltarle in padella nel sugo e aggiungere se occorre mezza tazzina di acqua di cottura della pasta. Servire ogni piatto di linguine con metà astice e, a piacere, aggiungere del prezzemolo tritato. Dose per 4 persone.