Author Archives for Le delizie di Patrizia

About Le delizie di Patrizia

Classe 1960

Triglie di scoglio saporite

2 triglie di scoglio (circa 300 g l’una)
2 spicchi d’aglio in camicia
1 cucchiaio di prezzemolo tritato
1 rametto di timo limone
400 g di pomodorini ciliegini
2 cucchiai di vino bianco secco
q.b. sale
q.b. pepe
q.b. olio evo

Esecuzione: preparare il pesce alla cottura eliminando branchie, lische, interiora ed asciugandole con della carta assorbente. Mettere sul fuoco una padella inaderente e farla scaldare per bene. Versarci dentro due cucchiai d’olio, due spicchi d’aglio in camicia leggermente schiacciati e due rametti di timo. Una volta profumato l’olio eliminare timo e aglio e mettere le triglie. Lasciarle sfrigolare per bene da entrambe le parti quindi bagnare col vino bianco e sfumare per un minuto. Aggiungere i pomodorini, tagliati a metà o in più parti, il prezzemolo, sale e pepe. Lasciar cuocere a fuoco vivace per circa 7-8 minuti.

Annunci

Ciambella con carote e marzapane

250 g di farina 00
50 g di fecola di patate
180 g di zucchero semolato
150 ml di latte
200 g di carote (spellate e lessate)
100 ml di olio di mais
2 uova
250 g di pasta di mandorle
1 bustina di lievito
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
Scorza grattugiata di 1 limone bio

Per la pasta di mandorle:
250 g di farina di mandorle
250 g di zucchero semolato
120 ml di acqua
1 cucchiaio di estratto di vaniglia
3 mandorle amare
scorza grattugiata di 1 limone bio
2 cucchiai di liquore strega
1 cucchiaino di acqua di fiori d’arancio
Preparazione: versare l’acqua in tegamino, aggiungere lo zucchero, il liquore e il fior d’arancio. Portare ad ebollizione e lasciar sciroppare a circa 120 °C (prendetene un po’ in un cucchiaino bagnatevi con acqua fredda il pollice e l’indice, prendete un po’ di sciroppo e capirete che è pronto se fa un filo). A questo punto, togliere dal fuoco, versare dentro la vaniglia, la scorza e la farina di mandorle. Girare con un cucchiaio di legno e lasciar stiepidire. Versare il composto sul piano di lavoro e lavorarlo con le mani.

Preparazione della ciambella: inserire tutti gli ingredienti nel robot e frullare alla massima velocità fino ad ottenere un impasto liscio e senza grumi. Ungere uno stampo da ciambella da 26 cm di diametro, versarci dentro il composto ed infornare in preriscaldato statico a 180° per 40 minuti (fare la prova stecchino prima di spegnere).

Fusilloni ai porcini gratinati al forno

300 g di fusilloni (trafilati al bronzo)
400 g di porcini
500 ml di besciamella
150 g di parmigiano grattugiato
2 spicchi d’aglio
1 cucchiaio di prezzemolo tritato finemente
1 rametto di timo
q.b. olio evo
q.b. sale
q.b. pepe
q.b. brodo vegetale

Per la besciamella:
500 ml di latte
½ cucchiaino di noce moscata
40 g di burro
40 g di farina
q.b. sale

Preparazione della besciamella: far sciogliere il burro in un tegamino a fondo spesso, aggiungere la farina, il sale, la noce moscata ed amalgamare il tutto usando la frusta. Ora aggiungere pian, piano il latte e continuare a girare con la frusta fino a raggiungere la densità desiderata.

Preparazione: pulire molto bene i porcini e affettarli (più o meno grossolani, come preferite).

In un fondo d’olio caldo (circa 3 cucchiai) far rosolare gli spicchi d’aglio in camicia leggermente schiacciati. Appena l’olio sarà profumato, eliminare l’aglio e versare i funghi e il rametto di timo. Salare, pepare e lasciar andare a fuoco vivace per 3-4 minuti. Lessare i fusilloni per 10 minuti in abbondante acqua (leggermente salata) quindi passarli sotto un getto d’acqua fredda per fermare la cottura. Bagnare il fondo di una pirofila con qualche cucchiaio di brodo vegetale, aggiungere la metà dei funghi, un quarto della besciamella, una manciata di parmigiano quindi, sopra questo letto saporito adagiate i fusilloni. Condire con l’avanzo degli ingredienti (brodo, besciamella, porcini e abbondante parmigiano) quindi infornare a 200° per 30 minuti circa. Dose per 5 persone.